La scuola non è secondaria

un film di Alberto Valtellina e Paolo Vitali (2021, 45′)
Sinossi
Dal mese di ottobre 2020 anche il Liceo Mascheroni di Bergamo avvia la cosiddetta “Didattica a distanza”. La scuola era pronta per la didattica in presenza, dopo che il dirigente scolastico, il corpo insegnanti e gli assistenti avevano passato l’estate organizzando gli spazi e definendo gli accessi. Le indicazioni ministeriali portavano all’improvvisa chiusura dei locali, limitando l’accesso ai soli docenti. Il film documenta il drammatico momento, mettendo in evidenza la capacità di tutto il personale scolastico e degli studenti di fare fronte alla difficoltà, tenendo a bada la tristezza e reagendo alla depressione incombente, applicandosi allo studio, mantenendo anche momenti di vivo umorismo.

Con Barbara Lussana, Guido Tacchini, Elena Depetroni, Stefania Moreni, Giuliana Duret, Rita Mantovani, Ileana Maria Paloschi, Battista Panseri, Mariateresa Fornoni, Angelo Sangalli, Lita Gatti, Anna Maria Gritti, Mario Pizzi, Caterina Arrigoni, Franco Mancini, Maria Buscieti, Ilario Latassa, Angelo Paolo Vavassori, Sabina Romeo, Ombretta Bulla, Milena Soli, Michael Mandile, Tiziana Vecchi, Daria Tonzig, Nicola Buttarelli; montaggio Alberto Valtellina e Paolo Vitali; fotografia Carlo Valtellina; musica di Guido Tacchini.
Le riprese sono state effettuate all’interno del Liceo scientifico statale “Lorenzo Mascheroni” di Bergamo nel mese di novembre 2020.
«Questo film è dedicato a tutta la comunità scolastica: allo sforzo di tutti coloro che, a qualunque titolo e nonostante tutto, hanno cercato, nel pieno della pandemia, di tenere in vita un’idea di scuola, di dare un senso alla solitudine e allo strazio delle aule vuote».